Fili da trout area: meglio la treccia o il nylon?

Oggi affrontiamo uno dei temi “caldi” dell’area: analizzeremo pro e contro dell’impiego di trecciati e del nylon, cercando di indirizzarvi nella scelta migliore dei fili da trout area per le vostre esigenze di pesca

Quando la trout area è arrivata in Italia, il dubbio “treccia o nylon” non esisteva, se non nelle menti di (pochi) pescatori illuminati.

C’era semplicemente la gara a utilizzare la treccia più sottile possibile per lanciare gli spoon da pochi grammi il più lontano possibile.

Oggi, invece, se andiamo a guardare una qualsiasi gara di area game, ci accorgiamo che il rapporto si è invertito e, anzi, si vede più nylon che treccia sui mulinelli.

Motivo? Lo scopriamo nelle prossime righe.

Anticipiamo che anche per i fili da trout area la regola è sempre la stessa: ci vuole lo strumento giusto per ogni tipo di canna, di esca e di situazione che affrontiamo.

Quindi, meglio non generalizzare.

Continua a leggere “Fili da trout area: meglio la treccia o il nylon?”

Da Copa Mundial a Copa 19: una storia adidas

Adidas Copa 19

La nuova Copa 19 ha debuttato nel weekend ai piedi dei testimonial Adidas, Dybala in testa. Andiamo a ricomporre insieme il percorso che dal 1979 a oggi ha accompagnato generazioni di calciatori, sempre con una costante: la qualità prima di tutto.

Ha debuttato nel weekend appena trascorso, rapendo sguardi e cuori di diversi appassionati. La nuova Copa 19 è un prodotto che, come si dice, sposta un po’ più in là il limite della frontiera. In pelle di canguro, ma laceless. Il top della comodità, ma sempre impeccabile nello stile. Fino a oggi, una scarpa del genere, siamo onesti, non si era ancora vista.

Copa 19 è qualcosa che, in effetti, strizza l’occhio alle generazioni più giovani. La scelta del testimonial principe, del resto, conferma questa impressione: quel Paulo Dybala idolo di masse di teenagers, brillante sul campo quanto sui social, attento al look ma con la faccia da bravo ragazzo. Insomma, quasi il prototipo del millennial.

Già, ma come siamo arrivati fin qui? Il percorso è lungo, addirittura quarantennale. Eh si, può essere benissimo che la prima Copa (Mundial) sia più vecchia di voi. Se non lo è, pazienza: siamo pronti a scommettere che, da buoni appassionati calciofili, questo non-plus-ultra della comodità occupi lo stesso un posto speciale nel vostro cuore. Se non altro per i campioni che l’hanno indossata.

Eccovi quindi un breve riepilogo di quello che è stato il percorso che da Copa Mundial ci ha portato a Copa 19. Con un solo, vero comune denominatore: la qualità.

Continua a leggere “Da Copa Mundial a Copa 19: una storia adidas”

Office Eucalyptus Aco: trout area con il “bottone”

Quando lo vedi ti chiedi se davvero quel pezzettino di metallo esagonale sia davvero in grado di prendere un pesce. Poi capisci che lo hanno inventato i giapponesi, che non fanno mai le cose per caso, e vuoi approfondire il discorso. Come abbiamo fatto noi

Quando gli Aco della giapponese Office Eucalyptus sono arrivati in negozio, la prima cosa che abbiamo pensato è che la trout area è diventata talmente tanto una mania che stiamo perdendo qualsiasi freno inibitorio.

Perché, fondamentalmente, ti chiedi come quelle cosine lì possano prendere un pesce.

Dai, almeno i metal jig e gli spoon alla lontana possono ricordare il profilo allungato di un pesce, ma questi “bottoni”…

Però i “bottoni” (così vengono chiamati da chi pratica l’area game) da qualche tempo stanno facendo parlare di sé.

Così, oltre a farli arrivare in negozio, abbiamo fatto qualche domanda a chi li usa per capirci qualcosa di più.

Continua a leggere “Office Eucalyptus Aco: trout area con il “bottone””

Spoon Nories da trout area: quando e come usarli

Su SportIT sono appena arrivati tutti gli spoon Nories da trout area: ne abbiamo approfittato per analizzarli uno per uno con i consigli di un nostro “insider”, Luca Gambino, che di gare di trout area ne sa qualcosa…

Obiettivamente, sono affascinanti. Tutti colorati, con livree che fanno concorrenza a quelle delle moto custom.

Poi, sono così piccoli, dalle forme particolari: per un pescatore sono come gli orecchini per una donna. Qualcosa da pesca che dà anche stile.

Parola d’ordine: spoon. Si chiamano così, oggi, gli ondulanti.

Gli “spoon” sono il simbolo della tecnica del momento per quanto riguarda lo spinning, e forse dovremmo dire l’acqua dolce: la trout area.

Abbiamo chiesto al nostro testimonial Luca Gambino, carpista ma anche garista di area game da una paio di anni, di parlarci degli spoon Nories, che lui conosce molto bene.

Nelle prossime righe, vi illustriamo il suo punto di vista.

Continua a leggere “Spoon Nories da trout area: quando e come usarli”

Always Forward Pack: la collezione autunnale di Nike

Siamo andati a dare uno sguardo ravvicinato al nuovo “Always Forward Pack” di Nike. Mercurial, Phantom, Hypervenom e Tiempo, tutte in colorazioni aggressive e ad alto impatto cromatico. Insomma, un bagliore di energia nella nebbia autunnale.

Che barba l’autunno. Foglie che cadono, freddo, l’abbronzatura estiva che evapora inesorabilmente. E poi nebbia, pioggia, ora legale, raffeddore. Si, senza dubbio l’autunno mette a dura prova la verve e la voglia di ognuno di noi.

Stesso discorso nel mondo calciofilo, non crediate. Chiunque abbia giocato, dai Primi calci al professionismo, sa che le partite migliori vengono fuori nelle tiepide serate primaverili e non nei pantani e nelle nebbie della brutta stagione. Insomma, ripetiamo: che barba l’autunno.

Per fortuna, quest’anno Nike corre in nostro aiuto. Proprio in concomitanza con l’arrivo di freddo, vento e nebbia in gran parte d’Europa, ha debuttato Always Forward Pack.

Continua a leggere “Always Forward Pack: la collezione autunnale di Nike”

Una vita “inside” Nash Tackle: intervista a Matteo Marmocchi

Tutti i carpisti conoscono Matteo Marmocchi: carpista della seconda generazione, è uno dei più “longevi” operatori del settore per il marchio di Kevin Nash. In occasione delle nuove uscite Nash per il 2019, gli abbiamo fatto qualche domanda: ecco le sue risposte (e il racconto della sua seconda over 30 in acqua libera!)

E’ il 25 ottobre e Matteo varca la soglia del nostro negozio carico di attrezzatura.

Sorride, saluta come fanno i vecchi amici, ma tu sei rapito da una sola cosa: quelle borse camouflage che porta addosso.

Matteo è qui per presentarci i nuovi prodotti per il 2019, tra cui una linea completamente rinnovata di buffetteria dell’ormai best seller “Scope”. Parola d’ordine: camouflage.

Ne abbiamo approfittato per fargli qualche domanda sulle novità, ma anche per approfondire qualche argomento “da carpista”, con uno che carpista lo è da parecchio tempo.

E le sue risposte sono molto molto interessanti…

Continua a leggere “Una vita “inside” Nash Tackle: intervista a Matteo Marmocchi”

Spinning sulle mangianze: il nostro video!

Ogni promessa è debito, così ecco qua il nostro video realizzato nel Mar Ligure durante una sessione di pesca sulle mangianze: siete pronti a una bella iniezione di adrenalina?

Il meteo è dalla nostra parte e ottobre dovrebbe essere ancora un mese magico per lo spinning sulle mangianze.

Ecco perché vogliamo stuzzicarvi con qualche bella immagine che spiega perché questa è un’esperienza che un pescatore deve provare a vivere, prima o poi.

Pronti? Godetevi il video!

Continua a leggere “Spinning sulle mangianze: il nostro video!”

Canne da viaggio S.T.C. Shimano: cogli l’attimo!

Shimano ha appena presentato la linea S.T.C., una serie di canne che definire “da viaggio” è in realtà riduttivo: il messaggio di fondo, infatti, è Never Miss an Opportunity, ovvero pesca sempre appena puoi, anche se hai disposizione solo 10 minuti

Sono appena tornato dal mio viaggio di nozze e sono molto arrabbiato. No, mi piace tantissimo il mio lavoro e non c’entra niente il fatto di essere tornato in ufficio.

Sono molto arrabbiato perché le nuove canne S.T.C. (Shimano Travel Concept) di Shimano sono uscite con 2 settimane di ritardo per le mie esigenze!

Eh sì, perché se un pescatore parte per un viaggio per un luogo tropicale, vuoi che non desideri portarsi dietro una cannetta che sta comoda comoda in valigia?

Io alla fine la canna me la sono portata, e mi sono portato anche quella (anzi, quelle) giuste, ma ho dovuto sudare ventuno camicie (sette per tre) per trovarle.

Perché, dette le cose fuori dai denti, sul mercato italiano trovare canne da viaggio decenti è quasi impossibile.

O almeno lo è stato, perché oggi sono arrivate le nuove Shimano S.T.C. e la musica è cambiata.

Andiamo a scoprirle insieme.

Continua a leggere “Canne da viaggio S.T.C. Shimano: cogli l’attimo!”

Diadora Day: il nostro test sul campo della nuova collezione Diadora Running

Testare con mano, si sa, è sempre meglio che muoversi per sentito dire. Ecco perchè, con il Diadora Day del 29 settembre, abbiamo dato l’opportunità a molti runners di provare direttamente la nuova gamma di prodotti che la casa veneta propone per l’inverno 2018. Una sgambata piacevole all’interno del Parco della Porada a Seregno, in compagnia di un ospite speciale…

Qualche chilometro in compagnia di un campione come Salvatore Bettiol e, ai piedi, la nuova linea firmata Diadora. Questo è stato solo l’inizio del Diadora Day, in collaborazione con SportIT Seregno. I protagonisti? Quei #RunWithUs che ogni mercoledì e sabato si ritrovano al Parco della Porada per correre insieme, colorando di arancione il polmone verde seregnese.

Una community running sempre più attiva e presente sul territorio, alimentata dalla voglia di condividere insieme quello che per tutti è un momento di evasione dallo stress quotidiano, ma anche un modo per misurarsi con se stessi e con gli amici.

Capofila del gruppo niente meno che Salvatore Bettiol. Un campione che, nel suo palmares, vanta due partecipazioni alle Olimpiadi e un secondo posto alla leggendaria Maratona di New York. E’stato lui a introdurre i runners presenti alle novità che Diadora propone per l’autunno/inverno 2018.

Continua a leggere “Diadora Day: il nostro test sul campo della nuova collezione Diadora Running”

Nike Mercurial CR7 Chapter 7: la chiusura del cerchio

Siamo arrivati alla fine. Con il settimo capitolo delle Nike Mercurial CR7 si chiude la collezione dedicata dal brand americano al calciatore più famoso del mondo. Diamo uno sguardo all’ultima arrivata e ripercorriamo tutte le tappe di questo percorso nel segno di Cristiano Ronaldo.

Da ottobre 2015 a oggi di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia. Immaginatevi esattamente tre anni fa e fate un conto di quante cose sono cambiate. C’è da farsi prendere dalla nostalgia, magari avevate qualche capello in più e qualche chilo in meno. Insomma, tre anni in più non sono uno scherzo per nessuno.

Volete una mano a pensare positivo? Qualcosa, in effetti, è rimasto costante. Rimaniamo in ambito calcistico: Cristiano Ronaldo, oggi come allora, è il calciatore più famoso del mondo. E Mercurial, oggi come allora, lo accompagna nel suo percorso trionfale.

Attenzione. Non abbiamo detto il più forte. Inutile aprire qui la diatriba di chi sia meglio tra lui e Leo Messi. Siamo un blog che parla di scarpe, magliette e tutti quelli che sono gli strumenti da lavoro utilizzati dai calciatori. Quindi, al bando i tatticismi. Usciamo dal dibattito, laviamocene la mani e concentriamoci su quello che rappresenta l’ultimo capitolo della saga Mercurial/CR7 per tutti noi.

Continua a leggere “Nike Mercurial CR7 Chapter 7: la chiusura del cerchio”