fbpx

Boilies per l’inverno: la nostra top 5

6 Gennaio 2020  |  Paolo Meneghelli

Quale boilies usare in inverno? Ci fosse la ricetta magica, qualcuno sarebbe milionario. La boilies perfetta non c’è, ma in base alla nostra esperienza possiamo dirvi 5 boilies “commerciali” che possono fare la differenza.

L’inverno è una stagione a due facce nel carp fishing: da un lato, è il periodo migliore per catturare le big mama, dall’altro, le basse temperature rendono dura l’esperienza sulle sponde e portano i pesci a mangiare molto meno.

Per tutti i carpisti che vogliono affrontare il periodo freddo, ecco la lista delle nostre top 5 boilies da inverno per avere più possibilità di fare centro.

L’ordine non è casuale.

Nash Bait – Citruz

Parlare di Citruz è un po’ come bere un Mojito con -5 gradi fuori: sono esche che fanno venire un brivido nella schiena tanto sono efficaci in acqua fredda.

Sarà la miscela aromatica, sarà la consistenza, sarà il colore, ma Citruz è un must have per le acque gelide.

Bianca o rosa? Entrambe efficaci, ma diremmo così: rosa finché non fa freddissimo, bianca in pieno inverno.

Una cosa che rende efficaci queste esche è anche la loro “tenuta” aromatica. Sono palline che assorbono poco l’odore del fondale: sarà per questo che sono così efficaci su letti di foglie morte in decomposizione?

Dove usarle? In cava, certo, ma anche in piccoli fiumi, ai lati delle “buche” o nelle zone con maggiore sedimento.

Dynamite Baits – Robin Red

Sono al secondo posto per me, ma al primo nel cuore (e nelle scelte) della maggior parte dei carpisti che vedo passare in negozio.

C’è una stagione in cui questa esca non funziona? No. E in inverno sono micidiali.

Merito del Robin Red, il famoso pastoncino per uccelli Haith’s inconfondibile per colore rosso e sapore speziato.

Dal punto di vista commerciale, queste boilies “Dynamite” sono proprio l’esca del freddo.

Over Carp – Yellow Fruits

Over Carp è un’azienda giovane, ma le sue esche sono già leggenda in molte acque italiane, e non solo.

Per chi scrive, le top in assoluto sono le 666 (che non citiamo qua ma che dicono la loro anche in inverno), ma se si parla di pescate veloci in acqua fredda, si citano per forza le Yellow Fruits.

Merito, come per le Citruz, degli agrumi? Forse sì, forse no: difficile dirlo.

Qui basta citare i risultati: sono esche veloci ad essere accettate, e il loro colore giallo le fa spiccare bene sui fondali scuri in decomposizione.

Nutrabaits – Trigga ICE

Qualcuno storcerà il naso: ma come, citi le Trigga, un’esca così “pesante” per la pesca invernale?

Ribadisco il concetto iniziale: qui non si parla di cose sulla carta ma di esperienza personale.

Una bella Trigga di Nutrabaits, in determinate situazioni (leggi, pesce pressato), in inverno è la chiave di volta.

L’importante, in questo caso, è stradipparla, possibilmente con un Bait Soak Complex al gusto Trigga ICE.

E poi, pasturare poco: questa pallina ha una capacità attrattiva notevole, esagerare non ha senso.

Boilies “eco”

Eh, ma hai citato solo boilies costose! Vero, verissimo, ma il mio ragionamento è semplice: in inverno già il gioco si fa molto duro, e se devo giocare, preferisco farlo con il meglio!

D’altronde stiamo parlando di una stagione dove si pastura molto poco, 15 palline per canna sono fin troppe, un “investimento” su boilies di qualità credo possa solo essere la risposta giusta ai momenti duri.

Comunque, ci sono boilies economiche che funzionano egregiamente in inverno.

Ne cito alcune facendo un semplice elenco:

Ti pesco l’innesco

L’articolo è espressamente dedicato alle boilies affondanti e da pastura, a cui ovviamente possiamo abbinare le rispettive pop-up e i rispettivi wafter.

Tuttavia, l’inverno è comunque una stagione dove l’approccio single hookbait ha il suo perché. E in cui, a volte, pescare sulla pastura con un’esca diversa può fare la differenza.

Citruz e similari le abbiamo già citate. Qui citiamo una sola pallina: Sticky Baits Signature pop-up & wafters

Non la versione Squid, ma quella “originale” fruttata. Non c’è niente da fare: sono le palline singole più veloci in assoluto.

Aroma, e “farinetta” quasi impercettibile presente sopra le palline fanno la differenza. Poi, c’è chi dice che è il colore washed out

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*