fbpx

Boilies TX1 Shimano: poca spesa, tanta resa

2 Aprile 2021  |   Redazione Fishing

In questo articolo vi raccontiamo qualcosina sulle boilies da pastura di Shimano. Alcuni carpisti le hanno fatte diventare le loro preferite quanto la quantità fa la differenza: nelle prossime righe ve le raccontiamo, gusto per gusto.

Se siete carpisti con un po’ di esperienza saprete benissimo che ci sono situazioni in cui non bisogna avere il “braccino corto” in tema di pasturazione.

Le situazioni più scontate sono i grandi laghi, i fiumi, e certe situazioni di frenesia alimentare, sessioni miracolose in cui i pesci impazziscono sui nostri letti di pastura.

Pasturare tanto può essere utile ovviamente per attrarre pesci in ampi spazi, perché creare un letto attrattivo grande può intercettare più pesci di passaggio. Oppure, può anche essere utile in caso di presenza di pesce di disturbo: carassi e scardole vanno “intrattenute” il più possibile per far sì che, quando arrivano le carpe, ci sia ancora del cibo disponibile.

Ma può voler anche dire cercare di tenere il pesce sullo spot il più a lungo possibile. Sono quelle situazioni in cui le carpe sembrano concentrate davanti e a noi e aspettano cibo.

Ecco perché parliamo delle boilies TX1 di Shimano: perché sono perfette per creare ampie e abbondanti pasturazioni senza stancare il pesce ma, soprattutto, attraendolo.

Una scelta ampia, ma non troppo

In tema di “esche da pastura” – con questo termine si indicano appunto le esche economiche, che ci servono per fare quantità – il mercato è abbastanza ampio. Tutti i brand hanno infatti in catalogo boilies dal prezzo più contenuto per pasturare.

Tuttavia, se parliamo di leader del settore, ci sono marchi come Dynamite Baits (le boilies Carp-Tec sono sicuramente tra le più vendute in Italia), Star Baits o l’italiana Any Water che sono un po’ sulla bocca di tutte.

Da qualche mese c’è anche Shimano che, dopo anni di joint venture con Dynamite, ha deciso di fare le cose da sé e creare delle boilies da pastura sfruttando il know how accumulato e un nuovo team di tester capitanato dal grande Mauro Pitorri. E ha realizzato, quindi, palline funzionali al nostro obiettivo: che siano in grado di farci catturare bene senza spendere un sacco di soldi.

Lo spiega bene Mark Holmes in questo video di YouTube (chi non sapesse l’inglese può attivare i sottotitoli, i concetti sono molto semplici):

Uno dei concetti più duri a morire nel carp fishing è che le palline più “profumano” (o puzzano, a seconda dell’aroma), più sono efficaci. Se questo può avere un senso, ma fino a un certo punto, su pop-up, wafter e boilies di alto livello, sulle boilies da pastura questo perde un po’ di valore.

Perché, ricordiamoci, siamo davanti a palline che devono attrarre, ma non saturare i sensi del pesce, devono essere gustose, ma non far venire il voltastomaco alle carpe, devono essere appetibili, e al contempo digeribili, senza ingolfare il pesce.

Ecco perché, all’apertura dei sacchetti delle boilies da pastura, l’impatto non può essere lo stesso che sia ha aprendo un sacchetto con bocce da 17 euro al chilo: non avrebbe senso! Aprendo un sacchetto di boilies TX1 questo concetto è molto chiaro: l’aroma c’è, si sente, ma non ti stordisce.

Secondo aspetto, l’assorbimento dei liquidi. Le boilies da pastura devono assorbire velocemente acqua, da un lato perché devono rilasciare velocemente gli aromi, dall’altro perché devono “sciogliersi” velocemente. Rimanere sullo spot integre sì, ma non per l’eternità: otterremmo l’effetto contrario!

C’è poi l’aspetto morbidezza. Esche morbide sono più appetibili per i pesci. E molti grandi angler dicono che i grossi pesci si prendono su esche ammorbidite… esperienza con un gran fondo di verità?!

La texture delle boilies TX1 Shimano è grossolana. Nel mix si nota la presenza di semi, che appunto rendono meno compatto il mix, favorendo l’ingresso di acqua. Morbide al tatto, le boilies TX1 assorbono anche velocemente il liquido e lo rilasciano in acqua.

Reagiscono molto velocemente: chi vuole può provare a fare un test in un bicchiere o in un acquario. Dopo pochi istanti di immersione, le boilies iniziano a rilasciare delle bollicine: è l’acqua che entra nella texture e man mano si colora con l’attrattore.

Lato prezzo, le TX1 molto probabilmente non hanno paragone per qualità in relazione al costo. Tra l’altro, l’offerta di SportIT 3X2 sui sacchetti da 5 kg Boilies TX1 è sempre valida… basta approfittarne!

4 gusti, 4 situazioni

Shimano ha fatto una scelta precisa nella creazione delle sue boilies da pastura TX1: 4 gusti, 4 colori e niente più. Pochi ma buoni, insomma.

Adesso li vediamo uno per uno, partendo dal nostro preferito: Banana & Pineapple.

Perché partiamo da questo? Sicuramente perché le TX1 Banana & Pineapple sono le boilies più vendute in assoluto nella linea TX1 Shimano. Banana e Ananas sono due aromatizzazioni con cui si va sul sicuro, e il colore giallo, che è il più usato in assoluto, aiuta: tuttavia, se sono le più vendute il motivo è che, alla prova dei fatti, sono le più veloci.

Abbiamo ricevuto report da diversi pescatori che le utilizzano nei laghi vicini alla nostra sede, come Pusiano, Segrino, e anche Viverone, ma anche da parecchi angler che le utilizzano sul fiume Lambro quando è necessario creare una buona base di pastura.

Il colore di queste boilies è altresì molto “catchy“, nel senso che spicca sul fondo, ma non troppo, risultando quasi “slavato” da subito. E attenzione alle cave: il contenuto di acido butirrico presente negli aromi delle TX1 Pineapple & Banana pare sia molto attrattivo anche nelle cave del Milanese…

A proposito di colori “naturali”, scendiamo un po’ nella gerarchia della nostre preferite e parliamo del gusto Tiger Nut.

Avete fatto caso a quante aziende hanno iniziato a mettere nella linea boilies basate sulla nocciolina tigrata? Il motivo è uno solo: piace a tutte le carpe ed è velocissima a entrare in pesca.

Le TX1 Tiger Nut sono le più dolci della serie. L’aroma non è forte, ma il gusto sì. Amarognolo all’inizio, diventa molto dolce una volta assaggiato per bene. Il colore di queste palline è naturale nel senso che non ci sono coloranti. Beige, marroncino chiaro, come l’impasto del mix.

Tra tutte è la pallina più dolce e più semplice. Sappiamo di buoni risultati anche in diversi laghi del Centro Italia.

Piccola dritta: essendo molto friabili, è facilissimo sbriciolarle con le dita e inserirle nei sacchettini di Pva insieme a pellet e stick mix per addolcire la miscela…

Dal dolce al salato, dal giallo al rosso: con le TX1 Squid & Octopus passiamo alle boilies preferite da chi pesca in fiume.

Alcuni amici ci riferiscono di diverse catture fatte su letti di queste esche sul Po e nelle foci dei suoi affluenti.

Sono le più “dure” della serie, nonostante il mix non vari molto dalle palline coi gusti dolci. Questo aiuta leggermente quando ci sono di mezzo pesci di disturbo come scardole e carassi.

Abbiamo parlato del fiume ma queste sono secondo noi la scelta migliore per la pesca in grande lago. L’aroma è una garanzia e, stagionalmente, non soffre di flessioni: lo Squid Octopus è molto probabilmente uno dei tre aromi più amati dai carpisti.

E non è la “moda”: semplicemente, cattura!

Dulcis in fundo, restiamo sul rosso ma torniamo al dolce. TX1 Strawberry. Fossimo a fine anni Novanta, sarebbero sicuramente le boilies più vendute. In questo caso, sì che c’entra la moda!

La fragola è stata, negli anni di lancio del carp fishing in Italia, uno dei gusti più amati con lo scopex. Decine di angler possono testimoniare di catture su catture in svariati ambienti.

Oggi questo aroma ha subito un po’ una flessione a causa di gusti esotici, ma il vero motivo è un altro: il declino del colore rosso tra i preferiti dai carpisti.

La realtà è che le TX1 Strawberry sono veloci se non come le Banana & Pineapple, quasi. Bisogna solo dargli fiducia e crederci, soprattutto in grandi acque: l’acidità dell’aroma Strawberry spicca molto sui fondali…

Qualche consiglio finale

Abbiamo parlato degli aromi uno per uno, ma uno dei consigli che diamo è quello di miscelarle. Esempio: Banana & Pineapple più Tiger Nut è una miscela velocissima.

Tiger Nut più Squid Octopus sembra insolita ma… non lo é. E nella stagione all’inizio (primavera), è decisamente “reattiva”.

Un’altra cosa che ci sentiamo di dire è legata alla morbidezza: se, per esigenze particolari (molto pesce di disturbo, gamberi, necessità di lunga permanenza in acqua) abbiamo necessità di indurirle, basta aprire il sacchetto e mettervi all’interno qualche chicco di riso qualche giorno prima di andare a pesca: si induriranno parecchio.

Poi, prima di pescare, per potenziarle possiamo bagnarle con i dip liquidi TX1 abbinati al loro aroma oppure usarle in combinazione, con assetto omino di neve, con le relative boilies pop-up TX1.

Queste sì che sono stra-colorate e stra-aromatizzate: ma questo è un altro tema su cui ritorneremo presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*