fbpx

Dirty Pinks e Dirty Purples: che pop-up sono?

La linea di pop-up Dirty Baits si è arricchita di due nuove palline: Dirty Pinks e Dirty Purples. Questo articolo risponde alle domande che più ci sono state rivolte: che aroma hanno? Quando vanno usata? Galleggiano tanto?

Come diciamo sempre, per me e Fabrizio Dirty Baits è un gioco. Un bellissimo gioco che, però, abbiamo molto a cuore perché ci permette di mettere nero su bianco quelle che sono le nostre idee in relazione alle esche.

Più in particolare, esche per le pescate veloci, per avere risultati il prima possibile.

Per ottenere questo, in una perfetta combinazione tipo Yin e Yang, abbiamo messo insieme le nostre convinzioni su colori delle esche e sui loro aromi, creando appunto la linea di pop-up Dirty Baits.

Oggi conta 6 versioni diverse. Le bianche Dirty Whites, senza aroma e di colore bianco, fatte apposta per essere caricate con attrattori come il Goo; le gialle Dirty Yellows, fruttate, velocissime, molto apprezzate da chi pesca a stalking; le potentissime Dirty Blues, di colore blu, le più “cariche” del lotto, dall’aroma pescioso e speziato, le più visibili in acque profonde e molto efficaci in cava e fiume; le Dirty Reds, fino a questo momento le meno “capite”: di colore rosso, combinano un forte aroma di fragola a una spezia misteriosa, e sono le più allround di tutta la linea Dirty; infine, le due new entry: Dirty Pinks e Dirty Purples.

In questo articolo parliamo appunto delle nuove arrivate rispondendo alle domande che ci sono state fatte.

Con una premessa: come le altre della linea, anche queste si caratterizzano per una forte carica aromatica e un colore molto ben visibile in acqua.

Dirty Pinks

Andiamo in ordine cronologico e parliamo appunto di quelle Rosa. Le Dirty Pinks sono state un vero e proprio parto.

Le volevamo in un certo modo, e con un certo colore, ma lavorare con gli aromi alle spezie non è affatto facile.

Motivo: le essenze di qualità sono veramente poche, e poche sono quelle che riescono a resistere sull’esca per lungo tempo.

Chiunque abbia avuto a che fare con esche da innesco alle spezie sa che, appena comprate sono fortissime, ma dopo qualche mese “perdono” molta della loro attrazione, soprattutto al nostro naso.

Non volevamo questo: dopo diverse prove siamo quindi arrivati alle palline che oggi sono nei barattoli, dotate di quel “rosa maialino“, come ci piace definirlo, che pur non essendo fluo in acqua spicca parecchio.

E’ evidente ma anche abbastanza “slavato”. L’aroma è una miscela di spezie morbide con appunto sia aromi liquidi sia aromi in polvere sia spezie micronizzate.

Volevamo un’esca diversa dalle altre, che fosse veramente allround e che potesse funzionare bene in abbinamento come omino di neve anche ad altre esche, sia fruttate sia al pesce. E che “lavorasse” in acqua calda come in acqua fredda.

Aspetto molto importante: sono quelle che galleggiano più di tutte, sono quindi idonee e assere utilizzate anche con approcci con il chod rig, in cui la galleggiabilità della pallina fa tutto.

Dirty Purples

Avete presente quegli amori che iniziano con un incrocio di sguardi? Qui l’incrocio è di aromi, ma è stata subito passione.

Le “viola”, lo ammettiamo, non erano in programma. O meglio, non subito. Le avevamo lì nel cassetto, e le avremmo tirate fuori più avanti.

Poi, abbiamo sentito quell’aroma lì e ci siamo detti che non potevamo più aspettare.

Le Dirty Purples sono la ciliegina sulla torta di tutta la serie. Nascono come palline “da caccia”, per pescate rapide, anzi di più.

L’aroma è un fruttato molto intenso ma anche molto alcolico. In acqua spara fuori dall’esca in brevissimo tempo, per un’attrazione immediata, ancora più rapida delle Dirty Yellows.

Sul colore non andiamo troppo in profondità perché, come è noto, il viola è un colore che spicca benissimo su fondali chiari e, insieme al blu e al nero, è uno degli ultimi a ingrigire nella scala dei colori lungo la colonna d’acqua.

Le Dirty Purples sono esche invernali? Assolutamente sì. Ma noi non vediamo l’ora che arrivi la primavera per premere il grilletto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelline per esprimere il tuo voto

Valutazione 0 / 5. 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*