Mulinello Crosscast 45 QD Carp e Surf, la risposta di Daiwa

22 Gennaio 2020  |  Paolo Meneghelli

Daiwa ha da poco lanciato il Crosscast 45, fratello minore del fortunato Emblem: un mulinello che nella fascia dei 100 euro farà gola a molti…

Nella pesca non c’è niente di immodificabile e scontato, se non una cosa: l’eterna lotta tra Shimano e Daiwa.

A chi piace Shimano non piace Daiwa, chi ama Daiwa odia Shimano.

Come con Fox e Delkim in ambito avvisatori, ci siamo cascati tutti prima o poi.

Fantastico l’Ultegra!“. “Ma va, è un paracarro, meglio l’Emblem!“. “Eh, ma se parliamo di qualità-prezzo Shimano non ha paragoni“. “Sì, ma sui top di gamma vuoi mettere Daiwa?”. “E lo Stella?“. “Sì, ma vuoi parlare del Saltiga?“. Potremmo andare avanti per ore: ed è quello che fanno tutti sulle sponde.

Questioni di lana caprina, qualcuno direbbe. Questioni di cuore e bandiera, diciamo noi.

Tutto questa intro per dire cosa? Che Daiwa ha lanciato una risposta a Shimano nell’ambito dei mulinelli big pit lanciando il Crosscast 45 QD Carp e il Crosscast 45 QD Surf. Ovviamente, in due versioni: nero per la carpa, grigio per il mare.

Perché, pazienza se alla fine è lo stesso mulinello: il doppio colore funziona e fa catturare più pesci!

Che mulinello è il Crosscast 45?

Come fatto per l’Emblem, capiamo subito che mulinello è il Crosscast. Parliamo al singolare perché fondamentalmente un mulinello solo, in due colori.

  • E’ dedicato a chi ama lanciare lungo
  • E’ dedicato a chi vuole un mulinello fluido
  • E’ dedicato a chi vuole spendere poco per avere un mulinello Daiwa

E che mulinello non è invece?

  • Non è un mulinello da long range (la capienza è troppo contenuta)
  • Non è un mulinello da battaglie a frizione chiusa
  • Non è un mulinello al livello dell’Emblem o dell’Ultegra

Messi i paletti, parliamo del bene e del male.

Bene, la bobina. 45 millimetri di spataffiata si notano su un mulinello così. Lo stile è quello del Basia e questo è il nipotino alla lontana: bobine strette, ma estremamente lunghe e coniche.

Non eccessivamente capienti: siamo infatti lontani dallo standard “500 metri dello 0,35” appannaggio dei mulinelli puri da long range.

Qui siamo in piena ottica Daiwa big pit: mulinello grossi, spessi, fatti però per lanciare lungo con i piedi ben piantati a terra.

L’imbobinamento ci piace assai, e non ha nulla da invidiare all’Emblem: lo Slow Cross Wrap, il sistema di Daiwa per l’imbobinamento a spire incrociate, si conferma come fa da anni, anche su questo mulo di fascia media.

Cambia la velocità di oscillazione, che è più alta, però senza togliere quel “piacere” di vedere la bobina che sale e scende lentamente.

E che ti dà quella sensazione per cui, solo a guardarla, dici: “Con questo mulinello faccio 10 metri in più“.

Ah, potere del marketing (e dei video in slow-mo!)

E’ affidabile?

Questa è un po’ la domanda che si fanno tutti quelli che stanno per comprare un mulinello nuovo. Non importa la cifra, importa quanto durerà.

Bé, noi l’abbiamo appena ricevuto, ma visto così su due piedi il Crosscast è un bel torello.

Pur permeato dello stile fighetto Daiwa, ti fa capire che sotto sotto è un burberotto gentile che non ha paura di venire a pescare e di essere maltrattato un po’.

L’alberino è bello spesso, il rullino guidafilo Twistbuster II è grosso, la frizione Quick Drag si chiude in un attimo (meno di un quarto di giro, impressionante!) e ha un max drag di 15 chili.

Però, non è a nostro avviso un mulinello da battaglie con il freno chiuso. Non è fragile, è il tipo di bobina in sé, così allungata, che non lo favorisce.

Combattere a frizione chiusa, o strappare, quando per esempio la bobina è molto alta, non fa bene all’alberino, seppure sia di dimensioni generosissime.

Il messaggio sotto sotto è chiaro: non è un mulinello da storione e siluro, ecco.

Non l’abbiamo detto, ma fondamentalmente questo mulinello va a rompere le scatole ovviamente a un “cugino” di casa Shimano, l’Aerlex.

Sono uguali in una enorme rottura di scatole: hanno una sola bobina in dotazione e non due.

Però, i due mulinelli sono diversissimi: se il Crosscast è perfetto per la pesca coi piedi piantati a terra, l’Aerlex sicuramente è preferibile per le battaglie toste.

Quindi, se siete pescatori che lanciano e basta, sapete già cosa comprare.

Ovviamente, parliamo espressamente di carp fishing dove c’è questa dicotomia tra piedi a terra e calata dalla barca. In mare, questo concetto un po’ si perde. Il Crosscast, infatti, è un gran mulo da mare: poca spesa, tanta resa!

Ah, il colore!

Il mio collega Fabrizio lo sapeva già cosa avrei risposto: “Meglio il grigio“.

Perché, pur avendo fatto la battuta a inizio articolo, sono un pescatore e ovviamente lo “stile” conta.

Certo, ragionando a mente fredda fa abbastanza sorridere che i pescatori si possano differenziare per il colore di un mulinello, ma questo è il mercato, bellezza, e il mercato non si discute.

In questo caso però dico “meglio il grigio” perché, se paragoniamo da vicino i due mulinelli, cioè il Crosscast 45 QD Surf (grigio) e il Crosscast 45 QD Carp (nero), dal punto di vista della qualità del colore non c’è paragone: il grigio è uscito meglio.

Poi, i gusti sono gusti, ma a mio avviso – parere cioè di Paolo Meneghelli – se un mulinello nasce come total matte black, deve essere total matte black. E nel caso di Crosscast 45 Carp, il nero non è omogeneo soprattutto nel rotore.

Questo dipende anche dal materiale con cui è realizzato, che è diverso da quello del corpo.

Ecco, sento che già lo stai dicendo: “Lo dici perché tifi Shimano“.

Ma al cuor non si comanda (e non è che ti stai facendo comandare anche tu?)

Postilla: compra questo mulinello se…

  • ti stai avvicinando al carp fishing e vuoi un mulinello per partire subito forte
  • pratichi già il carp fishing e vuoi passare a un mulinello di qualità superiore, ma senza esagerare col prezzo
  • vuoi lanciare di più, ma non così tanto da spendere 600 euro per un mulinello
  • Daiwa è la numero 1, e ti fa impazzire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*