fbpx

Quanto conta l’ordine nella pesca?

25 Maggio 2020  |  Fabrizio Proserpio

Con la “O” maiuscola, perché avere l’attrezzatura ordinata è fondamentale, soprattutto nel carp fishing, una tecnica in cui le attrezzature sono tante, delicate e spesso devono essere trovate il prima possibile per avere i risultati che speriamo.

Chi mi conosce sa quanto io sia preciso e ordinato: sul lavoro cerco sempre di far tenere il reparto pulito e in ordine, con tutti gli articoli esposti con criterio, in modo che per i clienti (e non solo!) sia più facile trovarli ed acquistarli.

Anche nella pesca cerco di essere il più organizzato possibile, mantenendo in ordine l’attrezzatura: dove possibile, la tengo divisa anche per tipologia di pesca.

Un sacco di roba!

Il carp fishing non è proprio una tecnica “minimal”, si ha un sacco di “roba” e tutti noi abbiamo il garage o la cantina piena, sacrificando a volte anche il posto per la macchina.

Tende, brandine, sedie, gommone, borse, zaini, secchi, sacche di pesatura: potrei continuare per almeno per altre venti righe, o forse il foglio non basterebbe!

Per quanto mi riguarda, tendo a dividere il tutto e a creare delle micro zone, dove metto solo quello che riguarda una tipologia di pesca.

Ad esempio, adoro la pesca a stalking: tutto quello che riguarda questa tecnica viene riposto separato da tutto il resto.

Canne e mulinelli montati nei loro foderi, zaino, materassino e guadino telescopico nello stesso angolo della mia cantina.

Per la pesca in cava, stessa cosa, con altri prodotti e separati da tutto il resto. Per le pescate veloci idem, sempre da parte, e solo quello che serve.

Guai a perderli

La minuteria è la parte più difficile da riporre con criterio. Aghi, girelle, piombi, ami, trecciati.

Abbiamo un sacco di articoli ma non tutti vanno bene per le varie tecniche. Quello che uso in cava non va bene magari per lo stalking, oppure quello che uso per le pescate veloci non lo userei mai in altre situazioni.

Allora, che fare? Semplice, creare diverse “cassettine” con solo all’interno gli articoli che vi serviranno per una tecnica specifica.

Ad esempio, fili galleggianti, gli ami da floater, il foam e quant’altro vanno messi nello zaino da carp fishing dedicato allo stalking.

Il materiale da zig messo nella borsa che usiamo quando peschiamo a zig, insieme alle canne e così via.

Qualcuno di voi potrà pensare che io sia pazzo o un maniaco dell’ordine, ma vi assicuro che non è così!

Oppure, potreste pensare che lavorando in un negozio di pesca sia facile fare questo, perché posso avere a disposizione tutto il materiale che voglio.

Ma credetemi: non è semplice mantenere l’ordine, ma è molto facile perdere occasioni perché non troviamo i prodotti che ci servono!

Risparmio di soldi e di tempo

Essendo ordinati e dividendo tutto come vi ho detto, risparmierete dei bei soldini e non perderete più nulla. Non comprerete l’ennesimo ago da innesco perché non lo trovate più… vero Paolo?

Un altro vantaggio è la rapidità con cui potrete decide di andare a pesca, in quanto il tempo libero è sempre meno e a volte bisogna sfruttare anche le mezze giornate.

Se di mattina decidete di andare a pesca nel pomeriggio, basterà andare a casa, aprire il box o la cantina e prendere in due minuti tutto l’occorrente che vi servirà, senza il rischio di dimenticare qualcosa, o di portare roba inutile che vi farà solamente perdere del tempo, ed affaticare ulteriormente la vostra schiena!

Anche al vostro ritorno sarà tutto più semplice, in due minuti avrete tutto al suo posto, pronto per la prossima volta.

Detto questo, ormai tutte le aziende sposano anche questo concetto producendo una quantità infinita di buffetterie, scatole e porta minuterie adatte per questo scopo.

Tanto per citare un esempio, la Tackle Safe di Korda, la Tackle Box, e tutte le microscatole Korda, che si affiancano alle Rig Safe o alle Chod Safe si propongono proprio questo: stoccare la minuteria in modo ordinato senza il rischio di perdere i prodotti.

Altrimenti, ci sono le Magnetic Box System di Fox, che hanno la particolarità di poter essere combinate tra loro, togliendo i coperchi attraverso un sistema magnetico, per gestire poi le diverse scatole in modo indipendente.

E per chi vuol stare su prodotti più economici ma altrettanto utili, ecco le scatole K-Karp per la minuteria da carp fishing. Dalle semplici Accessory Box, si arriva all’interessantismo K-Box Unit Box, dove possiamo stoccare anche i terminali.

Un po’ più in grande, c’è il sistema Rig Station di Nash.

Il più delle volte sono combinabili tra loro, con cassette che si inseriscono perfettamente nelle varie tasche di borse e zaini.

Piccolo particolare molto importante, soprattutto per chi pesca spesso o fa pesche rapide. Da tenere d’occhio tutta linea Compac di Korda. E’ impermeabile e praticamente indistruttibile.

Basta solo capire quello che fa per noi, adeguando dimensioni e capienza alla necessità. Perché ordinati si nasce, ma lo si può anche diventare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*