Pescare le carpe (e non solo) con i feromoni: leggenda o realtà?

19 Aprile 2019  |  Paolo Meneghelli

Dynamite Baits ha lanciato sul mercato alcuni nuovi prodotti a base di feromoni che promettono di migliorare i risultati in pesca, non solo in ottica carp fishing ma anche spinning e predatori

La premessa da fare è che i miracoli non esistono.

Tradotto: se stai pescando in un posto senza pesce, più che sull’esca miracolosa dovresti puntare sull’apparizione di un uomo barbuto avvolto da una tunica bianca.

Detto questo, stai per leggere un articolo dedicato ai “miracolosi” feromoni applicati alla pesca.

Dynamite Baits ha infatti appena lanciato una nuova linea di prodotti che si chiama Ultra-Bite Pheromone, divisa in diversi prodotti che andremo a vedere in dettaglio nelle prossime righe.

Cercando online la parola “pheromone” (rigorosamente in inglese) e la parola “carp” si aprono moltissimi risultati.

Google ti dice per esempio che i feromoni vengono usati in Australia per contenere l’infestazione da carpe nelle loro acque dolci. Son furbi, gli australiani: coi feromoni raggruppano le carpe e poi le tirano via dai posti in cui sono infestati.

Un’immagine che rappresenta bene la leggenda metropolitana dell’uso dei feromoni in pesca. (ph. D. Lester)

Altri articoli parlano invece dei tipi di feromoni che una carpa produce.

Semplificando, i più importanti sono tre: i feromoni che indicano ai maschi che ci sono delle femmine pronte a riprodursi, i feromoni che indicano alle femmine i maschietti belli carichi, e i feromoni che mandano un segnale del tipo “cena gratuita”, per intenderci quelli che fanno capire alle carpe che c’è roba da mangiare ed è meglio affrettarsi altrimenti si finisce come agli aperitivi, dove chi prima arriva, più mangia.

Comunque, non siamo scienziati e non è questo l’ambito per parlare di cose troppo tecniche (non ne saremmo in grado). Chi vuole approfondire questi aspetti può farlo autonomamente con ore e ore di studio.

Qui ci interessa capire, semplicemente, che cosa sono i feromoni. E perché dobbiamo usarli come dip da pesca.

Quindi, cosa sono?

Semplificando, possiamo dire che sono sostanze che i pesci producono quando fanno qualcosa, e queste sostanze comunicano agli altri pesci un messaggio.

Riproduzione, cibo, pericolo: sono questi fondamentalmente i segnali principali comunicati dai feromoni.

I feromoni Dynamite Baits in versione da spinning.

22Se noi umani, per comunicare qualcosa, abbiamo voce, gesti, e ovviamente odori, le carpe sono più limitate, ma al contempo più sviluppate dal punto di vista dell’istinto, dei segnali che noi umani non possiamo vedere ma che per loro sono come sparati col megafono.

Quindi, una femmina piena di uova produce feromoni. E li produce anche una carpa spaventata, così come una carpa affamata che si sta abbuffando su un letto di esche.

Questi feromoni inducono una reazione nelle altre carpe: i maschi si avvicinano, le baffone fuggono, oppure si fiondano a mangiare anche loro.

E’ in questi meccanismi che si inseriscono i nuovi feromoni prodotti da Dynamite Baits per la pesca.

La linea Ultra-Bite Pheromone di Dynamite Baits nasce per rispondere a un’esigenza: attirare più pesci su uno spot attraverso un segnale che non sia alimentare ma… “comportamentale”.

Per intenderci, davanti a un letto di esche il messaggio che arriva al pesce non è “qui c’è del buon cibo” ma “qui qualcuno ha già mangiato questa roba”.

C’è molta differenza: il primo messaggio attira, il secondo fa sfumare la diffidenza.

E’ un po’ come andare al ristorante: se lo vedi da fuori sembra bellissimo, e il profumo non è niente male, ma se un amico ti dice che ha mangiato bene ci entri con più sicurezza, e più velocemente.

Carpe o predatori?

La versione Carp degli Ultrabite Pheromones serve a creare un segnale alimentare che abbassa la diffidenza. CLICCA SULLA FOTO per acquistarla!

I Pheromones di Dynamite Baits sono proposti in due versioni.

La prima è molto classica e interessa in particolare chi utilizza esche come boilies, pellet, sfarinati e, nel caso della pesca ai predatori, pesci morti.

Riconosci questi Pheromones perché sono molto liquidi e sono venduti in una boccetta trasparente che ricorda altri attrattori da carpa.

Questo primo tipo di feromoni da pesca si utilizza come un normale attrattore: mischiato alle esche, possibilmente dopo averlo fatto assorbire bene.

Non ha praticamente odore, ma non per questo va usato in grandi quantità: si tratta di prodotti molto concentrati, per cui bastano poche gocce per ottenere l’effetto desiderato.

Su SportIT puoi trovare la versione Pheromones Carp, dedicata appunto alle carpe, che piacerà tanto ai carpisti. Ma c’è anche la versione Pheromones Trout, più specifica per la trota, con cui bagnare pellet e, perché no, esche vive come camole e vermi.

Versione spalmabile

Più curiosa è la seconda versione dei Pheromones, venduta in boccetta bianche trasparenti della dimensione di un rossetto o di un lucidalabbra.

Questi Pheromone Softbait, specificamente creati per la pesca a spinning con le esche in gomma (softbait), non vengono né spruzzati, né utilizzati come ammollo. Semplicemente, vanno spalmati.

La versione in stick dei Pheromones è espressamente dedicata alle softbait da spinning. CLICCA SULLA FOTO per acquistarla!

Si crea così una piccola patina, leggermente colorata, che ha la funzione di stimolare appunto l’appetito del pesce.

Non credere ai miracoli!

Ovviamente Dynamite Baits non dice esplicitamente la composizione di questi attrattori. Semplicemente dice che sono espressamente studiati per lanciare un segnale che stimoli le carpe e gli altri pesci (anche di mare) all’alimentazione e all’abbassamento della diffidenza.

La cosa importante da chiarire è che non sono ormoni sessuali. Molti carpisti, per esempio, in passato hanno pensato ai feromoni come a un modo per attirare pesci che si preparavano alla frega.

Il pensiero semplice dell’ormone femminile che attira le carpe maschio meglio lasciarlo nel cassetto delle storielle che non meritano approfondimento.

Ma non dobbiamo neanche pensare alla goccia di sangue che cade in mare e allo squalo che arriva da 1 km di distanza: se pensi che i feromoni di Dynamite Baits servano a questo, bé, sei sulla strada sbagliata.

Sono piuttosto un aiuto per sbloccare situazioni difficili, con pesci diffidenti nell’alimentazione oppure un po’ troppo “fermi” su uno spot. O, magari, fin troppo mobili in pattugliamenti lungo le sponde, senza mai mettere giù la testa sul fondo.

Come detto in apertura, non serve sperare nei miracoli. Meglio affidarsi al binomio esperienza più scienza, dove la seconda ti dà quella marcia in più.

Ma devi saper guidare, altrimenti… non vai da nessuna parte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*