fbpx

Pronti a tutto! | Road to WCC22 #8

Una delle incognite più grandi a Madine è il meteo. Che può cambiare le sorti della gara, ma anche metterti parecchio in difficoltà, se non sei pronto. Ecco qualche considerazione su come affronteremo un (eventuale) maltempo

“Devo buttare via mezza cassetta, non ha idea di cosa mi ha fatto il Pva”.

Sullo stendipanni in bagno a ogni molletta è attaccata una busta di ami, o un rocchetto di filo per terminale. In doccia c’è la borsa di Nash che continua a gocciolare acqua.

Ho dormito come un ghiro, ma male. Al di là della delusione per il WCC20, sono inc*zzato nero perché mi son fatto prendere alla sprovvista.

Io che sono Mr. Magnatempurai!

Il titolo dell’articolo è voluto perché Madine 2020 mi ha insegnato che devi essere davvero pronto a tutto Ma proprio a tutto. In parte ho già accennato a questo tema nell’articolo dedicato al World Carp Classic 2020, che è uno degli appuntamenti di questa serie.

Il ventaglio delle possibilità deve rimanere aperto. C’è l’1% di possibilità che qualcosa succeda? Succederà. Quindi meglio essere preparati.

Cosa che non eravamo, almeno sull’aspetto del meteo legato al trasbordo.

“Hai più di 20 anni di esperienza di carpfishing, hai girato l’Italia e pescato in ogni condizione meteo, possibile che tu non sia pronto al maltempo?”.

Il tema di cui voglio parlare è questo: il maltempo, e a quanto pensiamo sempre di essere pronti DURANTE, ma mai prima e mai dopo.

La giacca da Geoff Anderson con colonna d’acqua 20000 più o meno tutti l’abbiamo. Magari ecco, non abbiamo tutti la Geoff, ma una giacca Korda o Nash, o anche un semplice poncho in PVC lo abbiamo.

Le tende che reggono anche le bufere, se fai il World Carp Classic le hai sicuro.

La stufetta per asciugarti e i vestiti di ricambio se stai via una settimana li hai.

E coi waders – ditemi oggi tra i carpisti chi non a i wadersi in Pvc, anche con 40 gradi all’ombra – la protezione dalle intemperie è totale, anche in barca.

Quando dico prima e dopo, parlo di trasbordi. Parlo di lunghi tragitti a piedi per portare l’attrezzatura sullo spot.

Se piove, che si fa?

Se piove dopo, smadonni come sto facendo io per asciugare la maggior parte della minuteria possibile, smadonna tua moglie che vede la casa invasa da borse bagnate, ma non dalla Levissima, ma da un misto di stagno e fango, e poi anche il vicino di garage perché esce un odore di umido che manco al mercato del pesce.

Se piove prima, è un problema. Soprattutto se piove tanto. Soprattutto se devi trasbordare.

Mentre tornavamo a riva alla fine del WCC 2020, vedendo gli scrosci d’acqua abbattersi sull’attrezzattura ammucchiata sulle barche, mi domandavo proprio questo: se fosse successo PRIMA, cosa avremmo fatto?

Ci sono delle cose che NON si devono assolutamente bagnare quando si affronta una sessione di pesca di più giorni:

  • Il sacco a pelo e il lettino
  • I vestiti di ricambio (calzini e scarpe incluse)
  • Il Pva (e lasciarlo libero nella cassetta della minuteria NON è una buona idea)
  • Tutto ciò che è elettronica (anche questo scontatello, ma non si sa mai)
  • Tutto ciò che dovrai mettere ai piedi (quindi, anche l’interno di stivali e waders)

I primi due punti sembrano scontati ma sono fondamentali. Immaginati di fare una settimana intera con il lettino zuppo d’acqua. O peggio ancora il sacco a pelo. Non sono come la tenda, che con mezza giornata di sole si asciuga… no: questi sono gli elementi, insieme all’abbigliamento, che devono essere SEMPRE asciutti.

E come si proteggono? Esistono le borse, ed esistono anche le borse impermeabili in PVC (per esempio, la Bedchair Downpour Bag di Trakker o anche la Uni Bedchair Bag di Nash, che hanno telo in cordura ma con spalmatura impermabile all’interno).

E poi esistono le sacche stagne, note anche come Dry Bag. Sono quelle sacche “a sacco” appunto, in PVC, che si chiudono avvolgendole e anche se cadono in acqua non fanno bagnare il contenuto.

Qui dentro e in particolare nella sacca Fox HD Dry Bag, ci metto sacco a pelo, cuscino e abbigliamento, così sono perfettamente sicuro che anche in caso di monsone, tutto è al sicuro.

L’elettronica subisce la stessa protezione, nello Zaino HPA Dry Rucksack, che mi porto in ferie da anni e mi lascia tranquillo al 100% sul fatto che ciò che è all’interno è sempre protetto.

L’ho già accennato forse quando ho raccontato dell’edizione del 2020: se si bagna il Pva è un casino. E se si bagna quando è a contatto con la minuteria, magari sparso per borse e cassette, rischi di buttare via tutto. Ed è quello che appunto mi è successo nel 2020.

Da quel giorno, il Pva va sempre dentro una sacchetta stagna, o nella borsa portadocumenti HPA.

Mai più PVA free nelle borse!

Sull’abbigliamento, inutile tediarti, perché sai sicuramente cosa fare.

Sull’elettronica, anche qui bisogna andare sulle borse stagne e protettive, soprattutto perché anche l’umidità può danneggiare macchine fotografiche, power bank, obiettivi, tablet e così via. Le borsette Waterbox di Nash o le Compac Camera Bag di Korda sono perfette in tal senso, anche perché ci permettono di tenere tutto in ordine.

Al di là dei waders, che in un evento come questo sono fondamentali perché in quasi tutti gli spot le canne e le barche sono in acqua e per arrivarci devi immergerti almeno fino alla coscia, oltre a dover passare tanto tempo esposto a pioggia e vento, sull’abbiglimento impermeabile il consiglio è quello di andare sempre sull’alta qualità.

Le giacche Geoff Anderson non hanno un prezzo forse alla portata di tutti, ma sono una garanzia. Così come le giacche di Korda o di Nash.

Poi il consiglio è di portarsi sempre tutto doppio, anche i prodotti impermeabili. E una giacca, o un poncho, in Pvc sono utili in caso di tempo davvero infame e lunghe permanenze in barca sotto la pioggia battente.

Ultimo appunto sul cibo: noi ci siamo organizzati con delle scatole di plastica impilabili, è la soluzione migliore in caso di pioggia di una certa intensità!

Facciamo una scommessa? Quest’anno finiamo in una postazione col furgone dietro la schiena… 😊

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelline per esprimere il tuo voto

Valutazione 0 / 5. 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*