Mulinelli Shimano Speedmaster XTC e XSC: a tu per tu con i nuovi best seller per carp fishing e surf casting

9 Aprile 2019  |  Redazione Fishing

Il Nero e il Grigio a confronto: scopriamo i nuovi mulinelli Shimano Speedmaster XTC e XSC, uno dedicato al carp fishing (il Nero) e l’altro al surfcasting (il Grigio). Tanta tecnologia a un piccolo prezzo: siamo davanti a un nuovo fenomeno-Ultegra?

Gli Speedmaster XSC e XTC sono appena stati lanciati sul mercato da Shimano e stanno già facendo parlare di sé.

C’è chi li considera una copia degli Ultegra, e chi invece se ne é già innamorato prima di averli presi in mano.

Come sempre, la verità sta nel mezzo: ecco la nostra analisi su questi due nuovi mulinelli Shimano che, per prezzo e tecnologia, saranno sicuramente stravenduti in tutta Italia nei prossimi mesi.

Sembra Darth Vader, ma è opaco: Speedmaster XTC, un “bocconcino” per i carpisti.

Sono uno nero, lo Speedmaster 14000 XTC, e uno grigio, lo Speedmaster 14000 XSC: ormai Shimano, dopo il successone Ultegra XTD e XSD, ci ha abituato a questi colori.

Il nero opaco per il carp fishing e il grigio argento per il surfcasting: stesso mulinello, cambia solo l’estetica. Il colore. Il colore conta? A voi la risposta, ma vedendo i dati di vendita conta eccome!

Torniamo però a bomba sui nuovi Mulinelli Shimano Speedmaster XST e XTC: come sono?

Senza dubbio, colpiscono: il nero per la sua finitura “matte”, opaca, e il grigio per gli inserti blu metallizzati che fa ricordare un po’ l’Optimus Prime dei Transformers.

Dal punto di vista tecnico, ve li spieghiamo qui. E se la domanda che vi siete posti quando li avete visti è, come nel nostro caso, “ma sono uguali agli Ultegra?!“, la risposta è… nì. O “so“, a seconda di come vedete le cose.

Il contenuto tecnico degli Speedmaster

Le frizioni degli Speedmaster XTC e XSC (in foto), sono tutte rapide, High Speed Drag.

Siccome il tempo è prezioso, diciamo subito che la differenza principale tra i nuovi Mulinelli Shimano Speedmaster XTC e XSC e i best seller Ultegra sta nell’assenza, nei primi, del dispositivo di recupero a spire incrociate Aero-Wrap II e della frizione stagna.. E non c’è la bobina di ricambio.

Per tutto il resto, il contenuto tecnico è il medesimo.

645 grammi di peso, corpo in XT-7, rapporto di recupero 4,3:1, max Drag di 20 kg, taglia 14000 che si traduce in capienza da 550 metri di filo da 0,35 millimetri.

Dal punto di vista delle tecnologie Shimano, gli Speedmaster sono dotati di ingranaggi X-Ship, che li rendono più potente e affidabili nel recupero, G-Free Body e Parallel Body, che migliorano il bilanciamento del mulinello e la relativa potenza, AR-C Spool, ovvero la bobina adatta a grandi lanci (in alluminio forgiato Cold Forged Alu), frizione Hi-Speed Drag, rapida, per intervenire subito dopo la partenza.

E, sì, l’oscillazione è la stessa degli Ultegra: Super Slow Oscillation. Quindi, per semplificare, oscillazione lenta. Che si traduce in ottimo imbobinamento, a spire più serrate, e, se siete bravi, in lanci più lunghi.

Ah, quasi dimenticavamo i cuscinetti a sfere. Sono 4 + 1 a rulli A-RB.

Il rullino guidafilo degli Speedmaster 14000 contiene un cuscinetto a sfere A-RB.

Mulinelli per tutti

Un altro aspetto che li differenza dagli Ultegra, e non potrebbe essere altrimenti è il prezzo: i Mulinelli Speedmaster XTC e XSC costano, da listino, 30 euro in meno.

E’ vero, mancano bobina di scorta e Aerowrap II ma… siamo lì.

Quindi, per chi sono questi mulinelli?

Diciamo che Shimano ha fatto sì che la tecnologia di alto livello si applicasse anche a prezzi più bassi.

Detto fuori dai denti: gli Ultegra non costano tantissimo, ma comunque non tutti possono permetterseli.

Gli Speedmaster 14000 XSC e XTC sono prodotti in Malesia.

Con i nuovi Speedmaster, la possibilità di avere un mulinello dalla bobina grande, con un contenuto tecnologico di buon livello, si allarga a un bacino d’utenza più ampio.

D’altronde, della bobina di scorta si può fare a meno, no?

Fuori di metafora, il passo avanti nei confronti dei loro predecessori (ricordate gli Speedmaster XSB e XTB?), è notevole sia dal punto di vista tecnologico sia, soprattutto, estetico.

E’ di carattere estetico ed economico se guardiamo, invece, agli Ultegra.

Semplificando ancora di più le cose, non c’è sul mercato nessun altro mulinello big pit con queste qualità e prestazioni a un prezzo di poco superiore ai 100 euro.

Dal lago alla spiaggia

Ormai la moda diffusa è che i mulinelli da carp fishing devono essere neri, e se possibile, neri opachi. Gli Speedmaster XTC sono esattamente come li vogliono i carpisti di oggi.

Da Darth Vader a Optimus Prime: la versione “marina” dello Speedmaster è di un argento e un blu elettrico accecanti.

Così come l’XSC è il mulinello “classico”, perfetto per il surf casting e il rock fishing pesante. Oltre che, considerata la capienza e il max drag da 20 kg, per il bolentino medio pesante.

L’argento è associato da sempre al mare, e gli inserti blu sulla bobina lo rendono ancora di più sea oriented.

Di certo lo Speedmaster XSC sarà un mulinello molto appetibile nell’ambito della pesca in mare dalla spiaggia, perché fondamentalmente, a questo prezzo non si trova nulla con la stessa qualità.

Se cerchi un mulinello per iniziare a pescare dalla spiaggia che sia per sempre, o quasi, lo Speedmaster XSC è il prodotto giusto per te!

E adesso?

L’abbiamo visto, non si parla di rivoluzioni tecnologiche ma, tanto più, di un miglioramento del rapporto qualità-prezzo di prodotti già vincenti e molto affermati.

L’appetibilità di queste due versioni dei mulinelli Speedmaster li renderà sicuramente dei best seller per Shimano.

Staremo a vedere i movimenti dell’altra grande potenza del Sol Levante.

L’asticella si è alzata, consentendo a molti più pescatori di fare il “salto” di qualità.

Quale sarà la prossima mossa?

Il “Nero” Speedmaster XTC è di colore nero opaco, fatto apposta per i carpisti. CLICCA SULLA FOTO per acquistarlo!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*