Mulinello Caldia LT 1000 Daiwa: la nostra prova con trout area e light game

17 Dicembre 2018  |  Redazione Fishing

Il Mulinello Caldia LT 1000 di Daiwa si affaccia sul mercato dei mulinelli da light spinning con il preciso intento di soddisfare chi cerca un prodotto di alto livello a un prezzo accessibile. Lo abbiamo provato e queste sono le nostre impressioni

Piccolo, è piccolo. Stiloso, lo è ancora di più. Insomma, con il mulinello Caldia LT 1000 di Daiwa il rischio di amore a prima vista è alto.

Ecco perché, tra tutti i mulinelli possibili, abbiamo scelto questo prodottino della casa giapponese.

LT, come ormai molti di voi sanno, sta per Light & Tough, ovvero “leggero e tosto”, ed è la serie di mulinelli lanciati da Daiwa per portare il concetto di mulinello su uno step ulteriore.

Con questa serie Daiwa è partita dal presupposto di realizzare mulinelli più leggeri (leggerissimi, diremmo), mantenendo rigidità e solidità nel corpo.

Dei mulinelli LT Daiwa abbiamo già parlato in un altro articolo del blog, che vi invitiamo a leggere per sapere qualcosa di più su questa nuova tecnologia Daiwa.

Qui parliamo solo di un modello e in una sola taglia: il Caldia LT versione 1000.

Un mulinello piccolo e leggerissimo perfetto per le tecniche del momento: trout area e light spinning.

Lo abbiamo provato sul campo e vogliamo raccontarvi le nostre impressioni.

Prima di fiondarci sulle sponde, dedichiamo qualche minuto all'”unboxing” del prodotto. Prendiamolo in mano e capiamone le caratteristiche tecniche.

Alto livello, prezzo medio

Ciò che colpisce del Daiwa Caldia LT 1000 è innanzitutto il peso… non peso. Parliamo infatti di un mulinello taglia mille che pesa solo 170 grammi!

D’altronde, stiamo o non stiamo parlando di light spinning?

Il merito di questa leggerezza, che rientra pienamente nel concetto di Light & Tough, è dato dal materiale del corpo, che è lo Zaion.

Linea moderna, aggressiva, in pieno stile Daiwa. In questa foto vediamo un taglia 3000.

Lo Zaion è un rivoluzionario materiale che Daiwa utilizza sui mulinelli di alta gamma che ha la peculiarità di essere molto leggero e molto rigido.

Il materiale nasce come derivato del carbonio ed è proprio questa sua “origine” a garantire leggerezza e rigidità alle torsioni.

Se, a livello di spinning ultralight questo elemento ci interessa solo per il peso, a livello di spinning generico e ai grossi calibri anche la rigidità gioca un ruolo importante.

Chiudiamo la parentesi sullo Zaion parlando ovviamente del prezzo del mulinello: è proprio il materiale del corpo a rendere il Caldia LT più costoso degli altri “fratelli” della gamma, come Exceler e Fuego, ottimi mulinelli, leggerissimi, ma fondamentalmente con il corpo fatto con un derivato da materiale plastico.

Leggero, rigido, e anche “protetto”. Come tutti i mulinelli di alta gamma Daiwa, infatti, il Caldia LT 1000 è dotato di sigillatura Magsealed.

La tecnologia Magsealed si basa su un olio magnetico che permea tutti i punti in cui sporco e detriti cercano di introdursi nel mulinello, così come l’acqua.

Il mulinello è quindi protetto alla grande, così come lo sono i 6 cuscinetti a sfere.

Tutte queste caratteristiche a cosa portano? A un mulinello di fascia alta dal punto di vista qualitativo, con un prezzo che possiamo definire “medio”, in quanto stabile tra i 150 e i 200 euro a seconda della misura.

Un orologio

Quindi, abbiamo capito che questo è un mulinello per pescatori a cui piacciono le cose belle e moderne, ma che al contempo sono molto attenti al prezzo. Non è sbagliato, allora, dire che è un mulinello per tutti!

Le tecniche d’elezione, per dimensione, sono appunto quelle del light spinning e della trout area. In particolare, questa seconda tecnica è sempre più in voga nei laghetti italiani, e anche il mercato sta seguendo la scia.

Il Caldia LT si abbina perfettamente alle canne da trout area. In primo piano vediamo la manovella monopezzo dotata di pomello grip.

Chi pesca forte a trout area cerca prodotti sempre più leggeri e performanti, che non affatichino e siano affidabili. E questo non riguarda solo i garisti, ma anche i pescatori “della domenica”, inteso come persone che hanno tempo solo nel week end per andare a pescare.

Per capire un mulinello, devi metterlo in mano a un pescatore, e noi lo abbiamo fatto. Abbiamo dato un Caldia LT 1000 al nostro Simone, che lo ha provato per più di un mese nelle sue sessioni di light spinning e area game.

“Diciamo le cose come stanno subito”, dice Simone, “il Caldia LT è, in gergo, un gioiellino. Un orologio, preciso e fluido, talmente leggero che quasi non sembra di averlo in mano”.

I suoi primi appunti sono legati alla rigidità del corpo del mulinello. “Non avevo mai avuto la possibilità di provare in pesca un mulinello con il corpo in Zaion, e devo dire che le differenze con quelli standard sono impressionanti”.

“Il mulinello è rigido, non flette nemmeno di un millimetro, e la prova sul campo è stata illuminante. Se, in negozio, capisci qualcosa, con un bel pesce al di là della lenza capisci tutto, e comprendi perché questo materiale può fare la differenza”, continua.

Simone ha provato questo mulinello in diverse condizioni, e quando parliamo di area non facciamo riferimento solo alle gare e alle trote da 100 grammi, ma a situaazioni più “standard”, con trote dai 500 grammi in su e anche “bestie” fino a 5 kg.

“Con i pescioni la rigidità maggiore del mulinello è evidentissima: non fa una piega, nel senso che non si piega!.

Lanci sicuri

Dal recupero al lancio, il nostro focus si sposta sull’imbobinamento. Un elemento fondamentale per definire la qualità dei mulinelli piccoli, da light.

La bobina del Caldia LT 1000 è “S”, Shallow, ovvero a profilo basso.

Infatti, sarà capitato a tutti di imparruccare anche a fronte di imbobinamenti perfetti.

Questo problema è portato dal fatto che, cambiando spesso esca, cambiano i pesi e anche le trazioni causate dai diversi artificiali in acqua, quindi il filo si imbobina con una pressione diversa a seconda dell’esca.

Caso tipico: inneschiamo un crank da area, facciamo qualche lancio, e poi subito dopo lanciamo forte uno spoon. Risultato: parrucca.

Non ho mai imparruccato nel cambio di esca”, dice Simone, “ho provato il mulinello sia con un trecciato da area molto sottile sia con il nylon, e pure cambiando i pesi degli artificiali, e questo non ha mai creato alcun problema. L’imbobinamento del Caldia LT 1000 è praticamente perfetto“.

Una frizione “da esperti”

L’abbiamo capito, per Simone l’esperienza con questo “mulo” è stata di amore a primo…uso.

Però abbiamo voluto approfondire il discorso ed è spiccato un altro elemento molto interessante: la frizione.

La frizione è dolce e precisissima, ma richiede molta attenzione nel settaggio.

Ecco il pensiero del nostro tester: “Allora, la frizione è veramente dolce, ti fa pescare in totale sicurezza anche con trecciati sottilissimi, senza la paura che si possa inceppare o perdere in precisione nella fuoriuscita del filo, ma…”.

Il “ma” ci ha incuriosito.

Simone spiega così: “Quella del Caldia è una frizione paurosa ma ci vuole un po’ di mano per regolarla bene. Il drag di questo mulinello è molto elevato per le dimensioni che ha, e non è facile trovare il settaggio giusto velocemente. Nella trout area questo elemento è tutto, e con il Caldia LT dobbiamo stare attenti, almeno le prime volte che lo usiamo, a regolare bene la frizione per evitare di perdere pesci”.

“Non è un difetto, anzi”, prosegue, “tuttavia è necessario dare un alert a chi sta per comprare questo mulinello perché, ovviamente, andiamo in un campo molto tecnico a cui non tutti sono abituati a prestare attenzione. E’ come guidare per la prima volta una fuori serie: se pigi sull’acceleratore troppo forte rischi di finire fuori strada. Ma una volta che ci hai preso mano, puoi andare veloce in tutta sicurezza perché la tenuta di strada è top.

Quindi, per il nostro Simone il mulinello è promosso. Adesso aspettiamo le vostre impressioni: siamo sicuri che questo Caldia LT 1000 entrerà nel cuore di molti pescatori, perché è un vero e proprio numero uno!

Il nostro Simone con una big trout catturata con il mulinello Caldia LT 1000.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*